2. VASO DI COCCIO ZUCCA LENTICCHIE ROSSE PEPERONCINO | TRATTAMENTO DI CUCINA

2. VASO DI COCCIO ZUCCA LENTICCHIE ROSSE PEPERONCINO | TRATTAMENTO DI CUCINA

Inoltre, un corpo che ha bisogno di calorie può andare in uno stato di fame e abbassare il metabolismo per risparmiare energia quando il carburante scarseggia. I ricercatori hanno scoperto che quando i carboidrati vengono ingeriti prima di un allenamento, il corpo aumenta l’utilizzo dei carboidrati appena consumati e dei carboidrati immagazzinati. Allenarsi a digiuno può rendere lo sforzo più difficile, anche se non lo è, il che può portare a una riduzione dello sforzo durante l’allenamento e a un minor numero di calorie bruciate in generale. Sul lato positivo, per gli atleti non allenati che hanno più peso da perdere e più miglioramenti atletici da guadagnare, gli allenamenti a digiuno potrebbero essere più utili per migliorare la perdita di grasso. Inoltre, se limitare le calorie prima dell’esercizio contribuisce, a un deficit complessivo di calorie consumate quotidianamente, potrebbe avere un impatto positivo sui risultati della perdita di peso.

Quando si tratta di aumentare le prestazioni, si pensa che completare l’allenamento in uno stato a basso contenuto di glicogeno promuova adattamenti che consentono al corpo di funzionare meglio. L’allenamento a digiuno può aumentare le attività degli enzimi coinvolti nel metabolismo energetico e nella formazione dei mitocondri. Si pensa che questi adattamenti migliorino le prestazioni. Tuttavia, mentre possono verificarsi questi adattamenti, la ricerca deve ancora dimostrare che tali adattamenti si traducono in un aumento delle prestazioni.

Come accennato in precedenza, l’aumento della disgregazione del tessuto muscolare può portare a una riduzione delle prestazioni, soprattutto nelle attività di potenza e forza. Se l’allenamento in uno stato non nutrito ti fa sentire stanco e troppo esausto per soddisfare efficacemente i marker di prestazione (velocità, distanze, tempo, potenza), allora potrebbe andare contro le tue prestazioni a lungo termine.

Uno studio condotto su ciclisti in uno stato a basso contenuto di glicogeno o in uno stato di glicogeno normale ha rilevato che le prestazioni di resistenza erano relativamente uguali (nessuna differenza statistica), tuttavia, gli sforzi di sprint completati durante la cronometro di resistenza sono stati compromessi negli atleti a basso contenuto di glicogeno. È probabile che l’intensità diminuisca durante l’allenamento a digiuno. Un potenziale vantaggio di questa pratica è abituarsi ad allenarsi in uno stato non ottimale che può ridurre gli effetti percepiti di colpire il muro o essere in grado di mantenere gli sforzi in sport in cui è difficile o impossibile consumare carburante adeguato, come l’open -nuoto in acqua e gare tecniche di mountain bike.

Questa categoria è meno strutturata scientificamente e riguarda maggiormente il fare ciò che funziona meglio per il tuo corpo e le esigenze individuali. Fondamentalmente, se il pensiero di mangiare presto prima di un allenamento mattutino ti fa venire il vomito o ti stressa a causa del tempo e dei fattori di preparazione, allora semplicemente saltalo.

Per chi ha lo stomaco sensibile, allenarsi a vuoto può anche fornire sollievo dai disturbi gastrici. Se la sessione di allenamento è di durata relativamente breve e non stai cercando prestazioni ottimali, è improbabile che tu soffra di non consumare cibo in anticipo. Tuttavia, se ti svegli affamato e devi sforzarti di superare quella fame, può causare stress che funziona contro la perdita di peso. Essere preoccupati per la fame può anche lasciarti meno concentrato sull’allenamento a portata di mano e dedicare meno sforzo alla sessione.

LA LINEA DI FONDO

In conclusione, gli allenamenti a digiuno possono essere periodicamente incorporati in un programma di allenamento senza drastici risultati positivi o negativi. Quando la perdita di peso è il fattore motivante, probabilmente ripagherà di più concentrarsi sulla dieta nel suo insieme; scegliere pasti ricchi di nutrienti ed equilibrati e prestare attenzione a non mangiare troppo su base giornaliera probabilmente produrrà risultati più impressionanti rispetto a saltare il pasto pre-allenamento. Quando gli allenamenti avvengono presto senza tempo per mangiare e digerire in anticipo, prova ad aumentare l’energia con il risciacquo dei carboidrati; l’atto di sorseggiare una bevanda ricca di carboidrati, sciacquarla in bocca e sputarla. Se le prestazioni sono il tuo obiettivo, salva gli allenamenti a digiuno per sessioni brevi e facili e aggiungi carburante alle sessioni che richiedono intensità, concentrazione e resistenza.

Gli allenamenti a digiuno, indipendentemente dal fattore motivante, dovrebbero essere mantenuti a meno di 90 minuti di allenamento e si dovrebbe prestare attenzione al consumo di un pasto di recupero ricco di nutrienti, carboidrati e proteine ​​subito dopo la sessione per aiutare a ridurre al minimo le perdite di massa magra e fornire energia a un corpo che ne ha bisogno. Avere un mix di sessioni di allenamento a digiuno e a stomaco pieno è potenzialmente più efficace per migliorare il peso e le prestazioni rispetto all’affidarsi esclusivamente all’uno o all’altro metodo.

Alla fine, sono necessarie ulteriori ricerche sui risultati a lungo termine dei regimi di allenamento a digiuno, sui diversi effetti tra atleti maschi e femmine e sui diversi effetti tra atleti in allenamento e non allenati per produrre linee guida chiare e di impatto. Se sei interessato a sperimentare allenamenti a digiuno, consulta un dietista sportivo e preparatore atletico per lavorare con te sull’ottimizzazione della dieta e dei metodi di allenamento.

Tempo attivo: 5 minuti Tempo totale: 5 minuti

Questo frullato cremoso ha il sapore di un frullato buono per te che è assolutamente accettabile per la colazione o, meglio ancora, dopo un allenamento. I semi di lino macinati aumentano l’assunzione di fibre senza sacrificare il gusto (rendendolo ottimo per i bambini o per i palati più esigenti). Per questa ricetta vorrai burro di mandorle naturale non zuccherato e non salato in modo da poter controllare i livelli di zucchero e sodio. Ci piace anche usare un burro di mandorle fatto con mandorle tostate per un sapore più tostato e nocciolato.

Per renderlo un ottimo pasto post allenamento, aggiungi un misurino di proteine ​​in polvere o mangia un uovo a lato per arrotondare a 20 g di proteine, il minimo consigliato per uno spuntino post allenamento.

    Stampa

Smoothie cremoso al burro di mandorle e banana

ingredienti

1 tazza (236 ml) di latte di mandorle non zuccherato1 tazza (145 g) di ghiaccio2 banane medie, tritate e congelate1/4 tazza (65 g) di burro di mandorle non salato2 cucchiai di semi di lino macinatiPizzico di sale1 cucchiaio di miele chiaro, facoltativo

Indicazioni

Aggiungere tutti gli ingredienti nella ciotola di un frullatore e lavorare fino a che liscio. Versare in due bicchieri ben freddi e servire subito.

Se stai usando banane meno mature e più verdi, aggiungi 1 cucchiaio di miele per un frullato più dolce.

Porzioni: 2 | Porzione: circa 1 1/2 tazze

Nutrizione (per porzione): Calorie: 366; Grassi totali: 22 g; Grassi Saturi: 4g; Grassi Monoinsaturi: 2g; Colesterolo: 0mg; Sodio: 286 mg; Carboidrati: 39 g; Fibra alimentare: 7g; Zucchero: 17 g; Proteine ​​12g

Le vacanze sono un momento gioioso per riunire familiari e amici. Ecco perché abbiamo raccolto 10 ricette facili e salutari a cottura lenta in modo che tu possa semplicemente impostarlo e dimenticarlo. Meno tempo in cucina, più tempo con le persone speciali? È uno scenario vincente!

LATI & ANTIPASTI

1. POLPETTE ITALIANE DI TACCHINO A POTENZA LENTA | SKINNYTASTE

Vuoi il segreto per fare le polpette di tacchino più succose di sempre? Aggiungere le zucchine sminuzzate. Invece di friggere o cuocere prima le polpette, questa ricetta riduce i tempi di preparazione immergendo le polpette direttamente nella salsa e lasciandole cuocere a fuoco lento insieme. La ricetta prevede 6 porzioni da 4 polpette e 2/3 di tazza di salsa ciascuna.

Nutrizione (per porzione): Calorie: 235; Grassi totali: 11 g; Grassi Saturi: 4g; Grassi monoinsaturi: 1g; Colesterolo: 104mg; Sodio: 471 mg; Carboidrati: 10g; Fibra alimentare: 3g; Zucchero: 5g; Proteine: 22g

2. VASO DI COCCIO ZUCCA LENTICCHIE ROSSE PEPERONCINO | TRATTATO DI CUCINA

Denso e abbondante, questo peperoncino vegetariano irradia vibrazioni confortanti con ogni morso speziato. Per la ciliegina sulla torta, questa ricetta senza problemi richiede solo 10 minuti di preparazione! Consiglio di cucina: usa ingredienti a ridotto contenuto di sodio quando possibile, in modo da poter controllare la quantità di sale nel piatto. La ricetta fa 6 porzioni.

Nutrizione (per porzione): Calorie: 221; Grassi totali: 1 g; Grassi Saturi: 0g; Grassi monoinsaturi: 0g; Colesterolo: 0mg; Sodio: 304mg; Carboidrati: 40 g; Fibra alimentare: 12g; Zucchero: 8g; Proteine: 13g

Patate al parmigiano all’aglio in pentola a cottura lenta | Dannatamente delizioso

3. PATATE PARMIGIANA ALL’AGLIO A FORNO LENTO | DANNATAMENTE DELIZIOSO

Le patate croccanti e tenere sono piene di bontà all’aglio e parmigiano per il contorno più semplice fatto direttamente nella tua pentola a cottura lenta. La ricetta fa 6 porzioni.

Nutrizione (per porzione): Calorie: 265; Grassi totali: 9 g; Grassi Saturi: 3g; Grassi monoinsaturi: 4g; Colesterolo: 10mg; Sodio: 171mg; Carboidrati: 43 g; Fibra alimentare: 4g; Zucchero: 2 g; Proteine: 6g

PIATTI PRINCIPALI

4. ARROSTO IN PENTOLA CON FORNO LENTO | TUTTI I GIORNI BUON PENSIERO

È facile capire perché le carni a cottura lenta sono popolari antipasti nei giorni feriali: basta versare gli ingredienti in una pentola e tornare in poche ore. Durante le festività natalizie, prepara un arrosto natalizio facile come qualsiasi cena nei giorni feriali, ma con tutti i tocchi premurosi che rendono speciale la stagione. La ricetta fa 8 porzioni.

Nutrizione (per porzione): Calorie: 396; Grassi Totali: 13g; Grassi Saturi: 4g; Grassi Monoinsaturi: 6g; Colesterolo: 100mg; Sodio: 302 mg; Carboidrati: 36 g; Fibra alimentare: 5g; Zucchero: 23g; Proteine: 34g

5. POLLO ALL’AGLIO A FORNO LENTO | LUCE DI COTTURA

Questo pollo all’aglio in padella è cotto lentamente alla perfezione nel vino, nel cognac e nel timo. Non lasciare che quegli spicchi d’aglio cremosi vadano sprecati: spargili su pezzi di baguette croccanti o mescolali al riso integrale e immergiti nella favolosa salsa mentre ti godi ogni boccone di questo pollo super tenero. La ricetta fa 5 porzioni a 4 once di pollo, 3 cucchiai di salsa e 8 spicchi d’aglio ciascuno.

Nutrizione (per porzione): Calorie: 265; Grassi totali: 10 g; Grassi Saturi: 3g; Grassi Monoinsaturi: 2g; Colesterolo: 80mg; Sodio: 264mg; Carboidrati: 12 g; Fibra alimentare: 1g; Zucchero: 1 g; Proteine: 30g

6. PENTOLA DI COCCO QUINOA PILAF | CRUNCH A COLTELLO

Caricata con barbabietole dorate, broccoli e mirtilli rossi, questa ciotola di quinoa colorata e a cottura lenta è un piatto vegetariano saporito e senza glutine. Questo pilaf sano e terroso utilizza le migliori verdure della stagione, quindi le completa con feta e semi di girasole. La ricetta fa 8 porzioni.

Nutrizione (per porzione): Calorie: 236; Grassi totali: 9 g; Grassi Saturi: 3g; Grassi Monoinsaturi: 2g; Colesterolo: 15mg; Sodio: 292 mg; Carboidrati: 32 g; Fibra alimentare: 4g; Zucchero: 3g; Proteine: 9g

DOLCI

7. MANGIARE PULITO BROWNIE A POTENZA LENTA | LA GENTILE DISPENSA

Se non pensavi che i dolci si potessero preparare in una pentola a cottura lenta, dai un’occhiata a questa ricetta. I brownies al cioccolato prendono una piega pulita con semplici graffette della dispensa e frutta, una tregua perfetta dal sovraccarico di zucchero della stagione! La ricetta fa 32 porzioni.

Nutrizione (per porzione): Calorie: 95; Grassi Totali: 4g; Grassi Saturi: 2g; Grassi monoinsaturi: 0g; Colesterolo: 0mg; Sodio: 25mg; Carboidrati: 17g; Fibra alimentare: 2g; Zucchero: 10 g; Proteine: 3g

Torta al caffè Streusel di zucca a cottura lenta | La cucina sana di Amy

8. TORTA AL CAFFÈ STREUSEL DI ZUCCA A POTENZA LENTA | LA FORNO SANO DI AMY

Una torta al caffè morbida e umida con una spessa copertura di streusel di avena e cannella? E fatto senza farina raffinata o zucchero? Sì grazie! Servi questo cibo di conforto con il tè al tuo prossimo incontro festivo: non avrai avanzi. La ricetta fa 12 porzioni.

Nutrizione (per porzione): Calorie: 171; Grassi Totali: 4g; Grassi Saturi: 2g; Grassi monoinsaturi: 1g; Colesterolo: 8mg; Sodio: 169mg; Carboidrati: 31 g; Fibra alimentare: 4g; Zucchero: 8g; Proteine: 4g

BEVANDE

9. CIOCCOLATA CALDA CROCKPOT CREMOSO | GESTIONE PRATICA

La cioccolata calda cremosa e ricca è un must durante la stagione fredda. Salta le confezioni di cioccolata calda confezionate per questa bevanda per le vacanze a cottura lenta facile e fatta con meno grassi, zucchero e additivi. Se ti senti più indulgente, completa la tua cioccolata calda con marshmallow e gocce di cioccolato. La ricetta fa 4 porzioni da 1 tazza ciascuna.

Nutrizione (per porzione): Calorie: 124; Grassi Totali: 5g; Grassi Saturi: 5g; Grassi monoinsaturi: 0g; Colesterolo: 0mg; Sodio: 41mg; Carboidrati: 21 g; Fibra alimentare: 4g; Zucchero: 16g; Proteine: 1g

10. CUCINA LENTA LATTE DI ZUCCA | PASTI FRESCHI DI FAMIGLIA

Rinuncia al classico PSL di Starbucks e risparmia 14 grammi di zucchero con questa ricetta. Una tazza calda di latte di zucca speziato fatto in casa fa sicuramente colpo durante le vacanze! Se hai un limite di zucchero rigoroso, riduci la quantità di zucchero nella ricetta di un terzo (non rovina il gusto). La ricetta fa 10 porzioni da 1 tazza ciascuna.

Nutrizione (per porzione): Calorie: 119; Grassi totali: 6 g; Grassi Saturi: 4g; Grassi Monoinsaturi: 2g; Colesterolo: 24 mg; Sodio: 48mg; Carboidrati: 12 g; Fibra alimentare: 0g; Zucchero: 12 g; Proteine: 4g

In questi giorni, la stagione delle vacanze si estende da Halloween fino a Capodanno. Ciò significa mesi di eccesso di cibo, inattività e inevitabile aumento di peso. Poi, il 1° gennaio, decidiamo di rimetterci in carreggiata. Fondamentalmente sta cercando di annullare il danno che abbiamo fatto, un ciclo che si autoalimenta.

E se invece decidessimo di non farlo per noi stessi? ancora quest’anno? Buone notizie: è più facile di quanto possa sembrare. Se iniziamo le nostre risoluzioni prima – diciamo, oggi – e le rendiamo più ragionevoli, non sarebbe un esercizio così inutile.

Sia che tu stia sperando di migliorare le tue abitudini alimentari, correre più velocemente o iniziare ad allenarti regolarmente, prendere una decisione ora rispetto ad aspettare che la palla cada il 31 dicembre probabilmente ti aiuterà a raggiungere il tuo obiettivo in un modo più realistico.

Ecco alcuni ottimi motivi per ottenere un vantaggio sulla tua risoluzione:

1. LE RISOLUZIONI DEL CAPODANNO FUNZIONANO RARAMENTE

Mentre quasi la metà degli americani prende buoni propositi per l’anno nuovo, solo il 9% di loro dichiara di aver avuto successo nel raggiungerli. Tra questi, il 76% è correlato al peso o al miglioramento personale e il calo per il follow-through è ripido. Oltre il 40% delle risoluzioni viene infranto dopo il 31 gennaio. Le probabilità sono a sfavore della risoluzione del tuo nuovo anno, quindi perché non iniziare con un vantaggio?

2. È PI FACILE TROVARE AIUTO

Con il 41% degli americani che fanno propositi per il nuovo anno, ciò significa che il 2 gennaio tutti avranno un vago senso di compiacimento mentre vanno in palestra, saltano il dessert o puliscono la dispensa. Fondamentalmente, tutti sono preoccupati per le proprie risoluzioni e probabilmente non si preoccuperà troppo di aiutarti a mantenere le tue. Se inizi un mese prima, però, avrai molte risorse a cui attingere prima che altre persone si stressino per i propri obiettivi e https://harmoniqhealth.com/ obiettivi.

3. PUOI TROVARE UN VERO PARTNER NEL CRIMINE

Qualsiasi partner responsabile che trovi ora sarà più legittimo di un amico del 31 dicembre, che potrebbe essere a bordo, due bicchieri di champagne dentro, ma buona fortuna a farli correre con te il 1 gennaio. Con circa la metà dei risolutori che abbandonano il radar dopo due mesi, trovare qualcuno a novembre o dicembre per iniziare a correre con te regolarmente significa che probabilmente è anche molto più serio al riguardo, non solo impostando una risoluzione arbitraria.

4. È PI POSSIBILE CHE IL TUO OBIETTIVO SIA REALISTICO

Prendere le tue risoluzioni quando un nuovo calendario è vuoto e brillante e tutti intorno a te stanno pianificando radicali cambiamenti di vita, significa che è meno probabile che siano realistici, il che significa che è meno probabile che siano realizzabili. Prendendo una risoluzione o fissando un obiettivo da solo, è meno probabile che tu ricada nel clamore e più probabilità di scegliere un obiettivo che sia effettivamente giusto per te.

5. LE PALESTRE SONO VUOTE

Da un punto di vista puramente pratico, il momento peggiore per andare in palestra o unirsi a un gruppo di allenamento è il 1 gennaio, quando tutti si precipitano in palestra per iniziare la loro risoluzione per mettersi in forma. A dicembre, gli allenatori hanno più tempo libero mentre altri clienti partono per le vacanze, quindi è una grande opportunità per entrare in palestra e prepararsi prima che arrivi la corsa di gennaio. (È anche un ottimo momento per iniziare i saldi di fine stagione sugli articoli sportivi e un nuovo kit di cui avrai bisogno.)